Caro Babbonatale,

sono un bambino grandino che va in bicicletta e per Natale vorrei che tu mi portassi in regalo tante tante firme per #BiketheNobel. Così nel 2016 diamo il Premio Nobel alla Bicicletta e siamo tutti più contenti.

In cambio, caro Babbonatale, io ti prometto che sarò un ciclista più buono.

Ti prometto che non andrò più contromano.
Ma tu tieni conto che lo faccio solo quando è proprio necessario e mai per più di cinque o sei chilometri per volta. E solo su strade di grande traffico. Ed ho il giubbetto ad alta visibilità. C’è scritto “Consegna urgente medicinali alle farmacie per bambini poveri”, è vero. Ma allora stiamo qui a sottilizzare?

Ti prometto che quando l’automobilista mi suona il clacson e mi guarda tra l’incredulo ed il terrorizzato non gli farò più il gesto dell’ombrello o quell’altro che tu sai, con le due mani ad imbuto verso la punta della sella. Anche perché è pericoloso. Passo al dito medio classico, promesso.

Ti prometto che non andrò più sui marciapiedi
Non sfreccerò ad alta velocità tra i pedoni, driblandoli come Maradona in area di rigore. Ma loro, tienine conto, spesso non se neanche se ne accorgono perché son lì a digitare sullo smartphone. Lo faccio anch’io, lo so, mentre pedalo. Ma che c’entra?

Ti prometto che non sfiorerò più le mamme che spingono il passeggino
Però riesco benissimo a passare in bici tra la mamma ed il passeggino, appena lei tira fuori lo smartphone. E faccio anche i versi con la bocca al bambino. E lui ride ed è contento

Ti prometto che rispetterò il pedone
Anche quando lui osa camminare sulla mia pista ciclabile. Gli suonerò il campanello, ma senza il trillo di adesso, quello che dice: “Potrei ucciderti. Ne avrei il diritto. Se non lo faccio è un caso, sappilo”

Ti prometto che pedalerò senza avere l’atteggiamento di chi sta salvando il mondo.
Va bene, promesso. Però è così. E tu lo sai benissimo. Io pedalando salvo questo pianeta. Potrei farlo lo stesso tenendo un po’ più la destra? Non mi viene, che posso farci nulla.

Auguri, buon 2016, che sia l’anno di #BiketheNobel

Comments

comments

2 thoughts on “Lettera di un ciclista a Babbo Natale. Massimo Cirri

  1. Lo pubblicherò volentieri anche nel profilo del nostro Gruppo d’Acqisto Solidale ETNA CONTINENTE OPERAI della UILTuCS di Catania con circa 3350 membri in tutt’Italia e qualcuno in America!
    Ottima iniziativa Paolo G., anche
    GP Studio d’Ingegneria ed Urbanistica Energetica !

  2. Fa sì che VENGA FINANZIATA ALMENO UNA PISTA CICLABILE ALL’ANNO IN CIASCUNA CITTA’ DEL MONDO !

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>