Il 21 novembre è la Giornata mondiale dell’albero, il giorno giusto per ripassare o scoprire la struttura del tronco:

forest-1950402_1920

La corteccia
E’ l’anello più esterno, è materia morta ma serve a proteggere la piante dall’atmosfera, dagli insetti e dagli animali.

Il Iibro
E’ di spessore sottile e serve a proteggere la pianta dall’umidità. Al suo interno scorre la linfa discendente.

Il cambio
E’ la parte in cui si crea, ogni anno, il legno nuovo che permette all’albero di svilupparsi, sia verso l’interno formando l’alburno, che verso l’esterno formando il libro.

L’alburno
In un anno si formano due anelli di alburno, uno chiaro e di spessore corrispondente alla crescita primaverile, uno scuro di spessore ridotto corrispondente alla crescita autunnale, gli anelli annuali permettono di stabilire l’età della pianta.

Il durame
E’ la zona di maggiore spessore, ha la stessa funzione dello scheletro nel corpo umano, consente all’albero di avere una posizione eretta. E’ l’unica parte da cui è possibile ricavare legno industriale.

Il midollo
È la via di trasporto per portare la linfa ai rami e alle foglie. È chiamato anche vena, è la parte più viva della pianta.

Comments

comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>