Se io fossi Ernesto Guevara de la Serna, più noto come Che Guevara o semplicemente el Che, oggi che è il 9 ottobre 1967, starei per morire.
Mi hanno catturato ieri nella giungla boliviana, vicino al villaggio de La Higuera. Sono ferito alle gambe. Ero lì per portare la rivoluzione, o per creare un esercito rivoluzionario e poi entrare nel mio paese, l’Argentina. Non è andata bene. Pensavamo di dover affrontare solo l’esercito boliviano, male armato e poco equipaggiato. Ma appena gli americani hanno saputo che sono qui hanno inviato la Cia ed i consiglieri delle forze speciali, quelli esperti nei combattimento nella giungla. Ci hanno circondato, non avevamo informazioni – la radio per sentire Cuba non funziona – e pochi viveri.

Heroico1
Adesso sono qui, chiuso nella piccola scuola del paese, dove ho passato una brutta notte. Ho chiesto se potevo avere qualcosa da mangiare, perché mi piacerebbe morire a stomaco pieno. Mi hanno portato montone con patate. Un po’ pesante, ma tant’é.
Dopo morto verrò legato ai pattini di un elicottero e portato in una città. Mi metteranno su un piano di lavaggio dell’ospedale e mi mostreranno alla stampa. Le ultime foto, poi un medico militare mi amputerà le mani. Poi faranno sparire il mio corpo.
Verrò ritrovato 30 anni dopo, il 28 giugno 1997, in una fossa comune vicino alla pista di volo. Adesso sto a Cuba, in un mausoleo nella città di Santa Clara, dove nel 1958 avevo vinto la battaglia decisiva della rivoluzione cubana. C’è una grande statua con la scritta Hasta la victoria siempre.
Quello che ho rappresentato io, Ernesto Che Guevara, su scala globale non ha proprio vinto. A pensarci bene neanche pareggiato. Ma per tanti continuo a rappresentare qualcosa. E anche questa è una vittoria.

Comments

comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>