I tatoni di questa settimana sono due, hanno poco in comune se non il fatto di avere due gambette agili. Sono due storie che ci dicono che il modo in cui ci comporteremo nel rapporto con l’amore, con i desideri e con la coppia in parte lo decidiamo noi, ma in parte siamo decisi da un “noi” più profondo.
fenicottero
Il primo protagonista è un fenicottero avvistato in queste settimane in un’oasi protetta a Torre Guaceto, vicino a Brindisi. La spiegazione di chi se ne intende è che abbia lasciato il gruppo nel momento in cui il suo destino da fenicottero lo avrebbe condotto a metter su famiglia, ma lui non ne aveva voglia. Più o meno nello stesse ore si stava celebrando una cerimonia nella comunità mormona nello Utah, USA. Una ragazzina di 12 anni, Savannah, è al microfono e dice alcune parole molto commoventi: «Spero un giorno di avere degli appuntamenti e di andare al ballo scolastico, di sposarmi e di fare una famiglia. So che posso avere tutto, così come una lesbica può essere felice. Credo che se Dio fosse qui saprebbe che sono perfetta come sono…». Dopo poche parole, quando ancora non ha finito di parlare, le viene spento il microfono e viene invitata a risedersi. 
In un cartone animato della Pixar, a questo punto, arriva in chiesa il fenicottero, Savannah gli sale in groppa e volano via insieme verso un mondo più curioso. 

Comments

comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>