Siamo a Udine, è l’ultimo giorno di scuola. Gli studenti del Tomadini, il conservatorio, organizzano un concerto della Pace. E’ per l’attentato di Manchester e per questo giorno speciale. Si suona all’aperto, sotto una pensilina cortesemente messa a disposizione dal vicino bar Beethoven. Che, anche come nome di pubblico locale, ci sta. Musiche degli Earth Wind & Fire.

scuola

Tra il Tomadini e il Beethoven c’è lo Stellini, il liceo classico. Un’assistente amministrativa chiama i vigili urbani: disturbo della quiete pubblica. I vigili vanno al Beethoven e dicono a quelli del Tomadini che tocca smettere. Fine del concerto.
Posto che sono le 11 del mattino, che gli Earth Wind & Fire fanno musica di tutti i generi – R&B, Soul, Funk, Jazz e Disco – si capisce che non è questione di musica o di musica a volume troppo alto, quella che non fa dormire. C’entra qualcos’altro. Non sappiamo cosa: fastidi, sensibilità estreme, rompimento di scatole per ogni cosa appena diversa dal solito. Quelli del Tomadini vanno sotto le finestre dello Stellini e intonano Amazing Grace. “Un modo per chiedere scusa” spiegano, “non volevamo disturbare”. Quelli del Tomadini che chiedono scusa cantando non li sente nessuno: quelli dello Stellini sono tutti in palestra per una cerimonia.

Comments

comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>