Al centro del grande successo di pubblico e di critica di Letterature la partecipazione di circa 300 tra i più celebri autori stranieri e italiani che, nel corso delle diverse edizioni, sono stati invitati a scrivere e a leggere un proprio testo inedito sul tema che ogni anno il Festival propone.

Accompagnati da grandi attori e musicisti, gli scrittori vivono l’emozione di leggere dal vivo, e il pubblico di ascoltarli, in uno dei luoghi più suggestivi di Roma e del mondo: la Basilica di Massenzio al Foro Romano.

letterature

Negli ultimi anni il Festival si è aperto alla collaborazione di artisti e video maker e ha visto crescere lo spazio dedicato alla poesia. Dal 2010 è stata inaugurata la tradizione di ospitare i cinque autori finalisti del Premio Strega il giorno dopo lo scrutinio in Casa Bellonci mentre nell’edizione 2013 (I had a dream /Storie di sogni diventati realtà), gli inediti degli scrittori sono stati preceduti dal racconto di storie italiane, esperienze o start up ideate con anticonformismo e coraggio da giovani nei campi dell’economia, della cultura, della politica, del sociale e della creatività e nell’edizione 2014 ai tradizionali appuntamenti nella sede del Festival si sono aggiunti eventi collaterali realizzati nel giardino della Casa delle Letterature e una serata speciale realizzata al Teatro Argentina in collaborazione con il Teatro di Roma.

Il Festival, promosso dall’Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica di Roma Capitale con il supporto organizzativo di Zètema Progetto Cultura, è ideato e diretto da Maria Ida Gaeta direttrice della Casa delle Letterature di Roma sin dalla sua prima edizione.

Comments

comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>