Il numero 34 di Montagu Square a Londra è un bell’edificio del 1810: piano terra e seminterrato, è ora indicato di interesse storico per la cultura inglese poiché a metà degli anni Sessanta era stato affittato da Ringo Starr, batterista dei Beatles, Paul McCartney vi ha lavorato su Eleanor Rigby, Jimi Hendrix vi scrisse The Wind Cries Mary e per tre mesi ospitò anche a John Lennon e Yoko Ono.

lennon

Era l’autunno del 1968: i due lo usarono come casa e studio, si scattarono alcune foto nudi e “composero” nel frattempo un disco che né la critica, né i fan, considerano bello. Unfinished Music No. 1: Two Virgins suona infatti come una mezz’ora qualunque di rumori in casa di un musicista – un disco nudo, insomma. Per la copertina, però, scelsero proprio una di quelle foto, dove la coppia nuda è in piedi davanti alla macchina fotografica. L’album uscì il 29 novembre 1968: scandalo e successiva, ovvia censura.

Per Lennon però, una cover così importante per le immagini nella storia musicale non rappresentava altro che «due ex tossici leggermente sovrappeso»: è la natura delle cose, e in realtà siamo tutti nudi.

Comments

comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>