Io se fossi Violetta Valery, l’eroina de La Traviata, sarei grata ad Alexandre Dumas per avermi inventata nella “Signora delle camelie” ma cercherei di convincere Giuseppe Verdi, che mi ha fatto viaggiare il mondo, a pensare per me una fine migliore.

26977Oggi 10 ottobre 1813 farei tantissimi auguri di buon compleanno al mio compositore, ma allo stesso tempo gli chiederei di pensare anche un po’ a me. Per carità, per alcune cose non mi posso lamentare, vivo nella Parigi di fine Ottocento, ho una bella casa dove non mancano ospiti illustri e oggi sono un personaggio immortale. Però diciamolo, non è stato tutto rosa e fiori, la prima volta che mi hanno rappresentato, per esempio, non è andata neanche tanto bene. Eravamo a Venezia, era il 1853 e arrivarono solo fischi e sonori buuuu. Dopo un esordio difficile, un intervento della censura ha reso la mia storia più digeribile e sono cominciati ad arrivare i successi planetari. Tuttavia, a conti fatti, avrei barattato un po’ di celebrità con un destino più felice.

Intanto, sono anni che me ne dicono di i tutti i colori, cortigiana d’alto bordo, prostituta, mantenuta, non fa piacere.

maria2In più mi è toccato sacrificarmi e morire di tisi per il mio amato Alfredo che a ripensarci si rivela un rampollo, figlio di papà. Con lui la poesia, fin dall’inizio, l’ho messa io. Sono io che appena lo incontro gli regalo una camelia dicendogli che l’avrei rivisto solo quando il fiore fosse appassito. E’ vero, ho ricevuto complimenti anche da Karl Marx che pare si sia ispirato al mio personaggio nella sua analisi della famiglia e Lina Merlin, che dichiarò di aver cominciato a capire le difficoltà delle prostitute dopo aver visto una rappresentazione della Traviata. Per carità, sono soddisfazioni, ma non potevo riprendermi dalla tisi e vivere felice e beata?

Sara Zambotti

Comments

comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>