Il 6 gennaio del 1911 la Nazionale di calcio dell’Italia indossa per la prima volta la sua classica divisa azzurra nell’amichevole contro l’Ungheria. Da quel momento l’Italia indosserà sempre la divisa azzurra in tutti gli sport.
Nella teoria dei colori, l’azzurro è un colore freddo e secondario perché si ottiene mischiando il blu e il bianco.
L’azzurro fu il colore delle avanguardie e il colore preferito del pittore Wassily Kandinsky che infatti dipinse Il Cavaliere Azzurro che cavalca su un destriero bianco.
Azzurro è una canzone di Paolo Conte, è il colore del cielo senza nuvole, sono i tutti
i giochi dei bambini maschi.
Per chi crede nella cromoterapia, l’azzurro porta serenità e calma, addirittura pare che in una stanza tutta colorata di azzurro i battiti cardiaci diminuiscano e la sensibilità al freddo aumenti, mentre gli oggetti sembrano più piccoli e
leggeri.
Il mare è azzurro e per i cinesi è il colore dell’immortalità.
Nei poesia l’Albatros di Baudelaire, l’azzurro è il colore della libertà.
L’albero azzurro è una trasmissione RAI mentre l’Angelo Azzurro un cocktail composto da Gin, Cointreau e Blue Curacao e  il colore dei Puffi.
L’angelo azzurro è anche un film del 1930 e narra la tragica storia del professor Rath, rispettabile insegnante di un ginnasio di provincia  che si innamora di una cantante di varietà impersonata da Marlene Dietrich.
Domani 6 gennaio, Caterpillar si ricorda dell’azzurro che oltre a tutto questo ha dato anche il titolo a un film bellissimo di Lina Wertmuller, travolti da un insolito destino nell’azzurro mare.

Comments

comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>