Oggi, se fossi Charlie Brown, tirerei su gli occhi dalla carta e guarderei in faccia quel signore curvo sul foglio che mi sta disegnando, è il sig. Schulz a cui chiederei di farmi vincere almeno una volta una partita di baseball. Oggi, 2 ottobre 1950 per la prima volta appaio su 7 quotidiani statunitensi tra cui il Washington Post e il Chicago Tribune. Il mio destino è già segnato da questo ingresso nel mondo: nella prima striscia, eccomi arrivare da lontano e passare davanti a due compagni seduti su una panchina, uno di loro mi prende in giro, mi chiama “il buon vecchio Charlie Brown”, ma appena lo supero sento distintamente che dice di odiarmi. E’ solo l’inizio. Nei successivi cinquant’anni ho collezionato una serie invididiabile di testardi insuccessi: non sono mai riuscito ad avvicinare la ragazzina dai capelli viola e la legge di gravità si è più volte accanita contro i miei aquiloni. A dire il vero, agli amici intorno a me le cose non vanno tanto meglio: ho un cane che desidera a volte a fare lo scrittore e a volte il pilota di aerei durante la prima guerra mondiale, la mia unica ammiratrice è una ragazzina che mi chiama ciccio e che è cento volte più atletica di me, il fratello della mia compagna Lucy, Linus è pieno di paure da cui si protegge avvolgendosi in una coperta e aspettando l’arrivo del Grande Cocomero e ovviamente mia sorella minore si è innamorata di lui. A un certo punto il Sig. Schulz mi da qualche speranza, mi fa incontrare una ragazzina al campeggio, sembra andare tutto per il meglio ma per l’emozione le do il mio nome sbagliato e per questo le sue lettere d’amore non mi arriveranno mai. Non importa, perchè come ebbi a dire La vita è più facile se si teme soltanto un giorno alla volta.

Comments

comments

One thought on “La prima volta di Charlie Brown. Sara Zambotti

  1. … grazie a Schulz… e grazie a Zambotti per avere ricordato quelle strisce meravigliose… una straordinaria compagnia, che ancora oggi mi emoziona …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>